16 Gennaio 2019

Due nuovi volumi sul popolarismo dell’Istituto Luigi Sturzo

In occasione delle Celebrazioni per il centenario della fondazione del Partito popolare italiano e della ricorrenza dei sessanta anni dalla morte di Luigi Sturzo, l’Istituto Sturzo pubblica due nuovi volumi per promuovere percorsi di riflessione in grado di attualizzare il popolarismo come cultura politica e per valorizzazione la figura e l’opera del sacerdote siciliano.

Un saggio storico – a cura di Nicola Antonetti – sui contenuti politici relativi ai documenti inediti preparatori dell’”Appello a tutti gli uomini liberi e forti”, del Programma e dello Statuto, conservati presso l’Archivio dell’Istituto Luigi Sturzo, con una raccolta di profili biografici dei firmatari dell’Appello.

Riprende le attività della storica e prestigiosa della rivista “Civitas” con il Quaderno numero zero dedicato ad una riflessione sull’attualità del popolarismo. Al Quaderno seguiranno presto altri volumi incentrati sulle questioni salienti della vita contemporanea.

News Correlate

Al via il nuovo progetto europeo ValUES
Internazionale, Ricerca, Cittadinanza e democrazia,Europa e mondo

Al via il nuovo progetto europeo ValUES

Un'iniziativa per approfondire il tema delle discriminazioni nell’Europa dei totalitarismi

Patrimonio, Sturzo e popolarismo

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978

«La mafia dalla Sicilia risalirà l’intera penisola per forse portarsi anche al di là delle Alpi».

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978
L’Ucraina della “grande carestia”
Ricerca, Storia e culture del Novecento

L’Ucraina della “grande carestia”

Era dell’Ottobre 2003 il Convegno internazionale sull’Holodomor

Formazione, Patrimonio, Ricerca, Cittadinanza e democrazia,Politica e istituzioni democratiche,Storia e culture del Novecento

Europa e Diritti: l’intervista al Prof. Michele Nicoletti per il format Sfide Globali

Europa e Diritti: l’intervista al Prof. Michele Nicoletti per il format Sfide Globali