7 Gennaio 2019

Ai liberi e forti: un secolo dopo

La sera del 18 gennaio 1919, dall’albergo Santa Chiara di Roma, veniva diffuso l’appello A tutti gli uomini liberi e forti, con l’annesso Programma in 12 punti del Partito popolare italiano [Ppi]. Il progetto di Luigi Sturzo, fondatore del partito, e la prospettiva del popolarismo non furono solo quelle di aprire le porte dello Stato ai cattolici, attraverso una sua riforma in senso democratico e partecipativo, bensì, e in modo più ampio, di inaugurare un inedito e comune impegno di tutte le forze politiche per l’allargamento della partecipazione democratica nel paese.

Per celebrare quel particolare avvenimento, Giovedì 17 Gennaio 2019 h. 10.30, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, l’Istituto Luigi Sturzo organizza la Tavola Rotonda “Ai Liberi e Forti un secolo dopo”. L’Iniziativa si inserisce nel programma di eventi che l’Istituto sta portando avanti nel corso del 2018-2020 per promuovere percorsi di riflessione storica in grado di attualizzare il popolarismo come cultura politica e per valorizzazione la figura e l’opera del sacerdote siciliano (Legge di Bilancio 2018 art.1 comma 334).

Invito e Comunicato Stampa

Videoclip Evento

News Correlate

<strong>Il Traguardo.</strong> Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale
Patrimonio, Storia e culture del Novecento

Il Traguardo. Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

Patrimonio, Storia e culture del Novecento

“Europa” e “Cooperazione Internazionale”: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti

È terminato il lavoro di ordinamento

<strong>“Europa” e “Cooperazione Internazionale”</strong>: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti
“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978
Patrimonio, Sturzo e popolarismo

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978

«La mafia dalla Sicilia risalirà l’intera penisola per forse portarsi anche al di là delle Alpi».

Patrimonio, Storia e culture del Novecento

Andreotti, Pasolini e il “processo” alla Dc del 1975

Andreotti, Pasolini e il “processo” alla Dc del 1975