NIGERIMM – Le sfide delle migrazioni in Niger

Avviato nel febbraio 2011, il progetto NIGERIMM è stato promosso dal Ministero dell’Interno, in accordo con la Polizia Nazionale del Niger e in realizzato in partenariato con OIM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) e Istituto Luigi Sturzo, con l’intento di affrontare le sfide e le emergenze legate alle migrazioni in Niger.

Il ruolo dell’Istituto Luigi Sturzo all’interno del progetto comprende in particolare le seguenti attività:

Campagna di informazione e sensibilizzazione sui rischi derivanti dall’utilizzo di canali di immigrazione clandestina, mediante l’utilizzo dei principali mezzi di comunicazione.

Nel centro di accoglienza e assistenza dell’OIM situato a Dirkou e nella città di Agadez la campagna di informazione viene attuata attraverso due TOTEM (pannelli interattivi) che offrono ai migranti presenti nei centri sia immagini e video riguardanti rischi e difficoltà dell’immigrazione illegale, sia nozioni di primo soccorso. Inoltre, presso la Ong GRASPI di Niamey, è stato attivato uno sportello aperto al pubblico (Point d'information jeunesse sur les migrations ) in grado di offrire informazioni sui rischi legati alle migrazioni illegali e sulle procedure di migrazione legale.

Campagna di formazione riguardante le procedure legali per l’ingresso regolare in altri Paesi rivolto alla Scuola Nazionale della Polizia del Niger Per la formazione a distanza è stata creata un’apposita piattaforma, AFRICA, che racchiude un sistema di e-learning multilingua basato su web. Alla fine dell’attività, i partecipanti ricevono un attestato rilasciato dalla scuola IAD dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e dall’Istituto Sturzo.

Per accedere alla piattaforma clicca qui: http://www.sturzo.it/nigerimm/

Nigerimm 01 Nigerimm 02
Campagna di formazione volta ad affinare specifiche abilità professionali per l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro la cui acquisizione possa fornire una valida alternativa all’emigrazione.
Nel centro di accoglienza e assistenza dell’OIM situati a Dirkou e nella città di Agadez la campagna di formazione viene attuata sempre attraverso i due TOTEM che offrono brevi videolezioni sulla coltivazione della propria terra attraverso nuove tecniche che garantiscono il risparmio delle risorse, in opposizione alla precarietà del viaggio clandestino. In altre organizzazioni della società civile viene offerta invece una formazione blended, basata su lezioni in presenza e la fruizione di moduli online.

Notizie del progetto

Altri progetti