29 Marzo 2022

“Europa” e “Cooperazione Internazionale”: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti

E’ terminato il lavoro di ordinamento e inventariazione della serie Europa e delle pratiche sulla Cooperazione internazionale allo sviluppo previste dalla prima annualità del progetto finanziato dall’ICAR , l’Istituto Centrale per gli Archivi.

Gli inventari analitici, disponibili in formato cartaceo e informatizzato, sono consultabili sul sito dell’Istituto Luigi Sturzo.

La serie Europa, 1948-2008, costituita da 145 buste (645 fascc.), contiene documentazione relativa ai diversi aspetti – istituzionali, politici, economici, sociali – del processo di unificazione europea, raccolta e conservata in relazione ai diversi incarichi ricoperti da Giulio Andreotti come ministro, Presidente del Consiglio e presidente di turno del Consiglio europeo; Presidente e componente delle Commissioni esteri della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica; membro della rappresentanza al Parlamento europeo; Presidente dell’Unione europea democratico-cristiana; membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, dell’Unione dell’Europa occidentale e della delegazione italiana all’Assemblea parlamentare dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

Le pratiche relative alla Cooperazione internazionale allo sviluppo sono 32, per totale di 53 buste (245 fascc.) e documentano le relazioni bilaterali, i rapporti diplomatici, gli incontri e le visite di personalità per la realizzazione di interventi, opere e infrastrutture: Africa, 1961-2005; Algeria, 1959-2007; Angola, 1961-2004; Burkina Faso – Sahel; Burundi, 1971-1994; Camerun, 1971-1990; Capo Verde, 1975; Ciad, 1981-1989; Congo, 1960-2008; Cooperazione con i paesi in via di sviluppo, 1963-2006; Costa d’Avorio, 1968-1997; Etiopia e Eritrea, 1953-2006; Gabon, 1972-1990; Ghana, 1961-1988; Guinea Equatoriale, 1984-1985; Guinea, 1971-1987; Guinea-Bissau, 1961-[1986]; Istituto per la cooperazione e lo sviluppo internazionali, 1982-2007; Mali, 1986-1989; Marocco, 1960-2007; Mozambico, 1970-1995; Nigeria, 1961-2007; Ruanda, 1984-1994; Senegal, 1970-1993; Sudan, 1957-2005; Tanzania, 1967-1999; Tunisia, 1957-2008; Uganda, 1980-2006; Zambia, 1971-1991; Gambia, 1986; Benin, 1988; Mauritania, 1989-2002.

Le carte testimoniano l’attenzione di Giulio Andreotti verso alcuni temi, gli iter legislativi e gli sviluppi politico-negoziali della cooperazione dei vari paesi spesso segnati da passaggi complessi: lotte per l’indipendenza, conflitti interni, guerre civili, crisi umanitarie.

News Correlate

Patrimonio, Storia e culture del Novecento

Il Traguardo. Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

<strong>Il Traguardo.</strong> Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale
<strong>“Europa” e “Cooperazione Internazionale”</strong>: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti
Patrimonio, Storia e culture del Novecento

“Europa” e “Cooperazione Internazionale”: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti

È terminato il lavoro di ordinamento

Patrimonio, Sturzo e popolarismo

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978

«La mafia dalla Sicilia risalirà l’intera penisola per forse portarsi anche al di là delle Alpi».

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978