17 Giugno 2021

Archivio Giulio Andreotti: quando la storia è narrata attraverso vignette e caricature

Sono 3838 le caricature e le vignette satirico-umoristiche raccolte da Giulio Andreotti, riguardanti se stesso e i più significativi avvenimenti che coprono gli anni che vanno dal 1948 al 2004.

Nella raccolta si trovano stigmatizzati, a livello nazionale e internazionale, gli accadimenti giornalieri, i comportamenti e i difetti dei politici, il costume, la moda e le contraddizioni della società, a testimonianza di come la storia possa essere narrata anche attraverso la rappresentazione caricaturale dei suoi personaggi più influenti.

Gran parte della documentazione è stata conservata in forma di ritagli di stampa estratti da quotidiani, riviste, periodici o di riproduzioni tratte da cataloghi e pubblicazioni.

QUI per consultare la serie completa

News Correlate

Patrimonio, Storia e culture del Novecento

Il Traguardo. Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

<strong>Il Traguardo.</strong> Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale
<strong>“Europa” e “Cooperazione Internazionale”</strong>: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti
Patrimonio, Storia e culture del Novecento

“Europa” e “Cooperazione Internazionale”: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti

È terminato il lavoro di ordinamento

Patrimonio, Sturzo e popolarismo

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978

«La mafia dalla Sicilia risalirà l’intera penisola per forse portarsi anche al di là delle Alpi».

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978