27 Giugno 2019

Gli “Scritti e Discorsi” dall’archivio Giulio Andreotti on line sul portale Iternet Culturale del MIBAC

La Collezione ha origine dalla digitalizzazione della raccolta degli scritti e dei discorsi conservati nell’archivio personale che il senatore Giulio Andreotti ha donato all’Istituto Luigi Sturzo di Roma. I testi sono conservati nella sezione dell’Archivio, che raccoglie il nucleo più significativo e consistente di questa documentazione, le due serie degli Scritti e dei Discorsi. I materiali sono conservati in 170 buste sulla base di un’organizzazione cronologica e tematica ed elencati in uno schedario cartaceo originale costituito da 1700 schede.

La sezione cronologica qui pubblicata è costituita da articoli, saggi e discorsi – compresi in un arco cronologico che va dal 1942 al 1990 – di carattere politico, istituzionale, ecclesiale, culturale, di costume, comparsi, in forma di articolo, intervista e recensione su quotidiani, periodici o poligrafie e di interventi fatti in occasione di campagne elettorali, dibattiti parlamentari, convegni, conferenze, seminari, assemblee di partito, incontri commemorativi. Sono conservati in forma di schemi, appunti, redazioni diverse in stesura manoscritta o dattiloscritta, edizioni e resoconti a stampa, non di rado accompagnati da materiali preparatori e di studio.

Vai alla Collezione

News Correlate

Patrimonio, Storia e culture del Novecento

Il Traguardo. Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

<strong>Il Traguardo.</strong> Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale
<strong>“Europa” e “Cooperazione Internazionale”</strong>: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti
Patrimonio, Storia e culture del Novecento

“Europa” e “Cooperazione Internazionale”: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti

È terminato il lavoro di ordinamento

Patrimonio, Sturzo e popolarismo

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978

«La mafia dalla Sicilia risalirà l’intera penisola per forse portarsi anche al di là delle Alpi».

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978