16 Maggio 2019

Al via la digitalizzazione degli “Scritti londinesi” di Luigi Sturzo

L’Istituto ha avviato la digitalizzazione dei 468 documenti riguardanti il periodo (1924-1940) dell’esilio a Londra di Luigi Sturzo.

Una ricchissima produzione pubblicistica – pressoché quotidiana – che consente di ripercorrere la carriera giornalistica di Sturzo nei 16 anni dell’esilio inglese. Una raccolta di articoli che svelano preziose indicazioni sui rapporti intrattenuti, sull’ambiente di riferimento, sui fattori personali, quotidiani e materiali dell’intensa attività di giornalista e scrittore del sacerdote siciliano.

Non c’è evento della tragedia europea degli anni Trenta e Quaranta in cui Sturzo non abbia fatto puntualmente sentire la sua voce attraverso le tante collaborazioni con la stampa di quegli anni.

Introduzione di Concetta Argiolas all’inventario a stampa degli scritti londinesi 1924-1940 – Palombi Editori 2009

News Correlate

Patrimonio, Storia e culture del Novecento

Il Traguardo. Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale

<strong>Il Traguardo.</strong> Il periodico di propaganda della Dc ora in digitale
<strong>“Europa” e “Cooperazione Internazionale”</strong>: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti
Patrimonio, Storia e culture del Novecento

“Europa” e “Cooperazione Internazionale”: le nuove pratiche inventariate dell’Archivio Giulio Andreotti

È terminato il lavoro di ordinamento

Patrimonio, Sturzo e popolarismo

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978

«La mafia dalla Sicilia risalirà l’intera penisola per forse portarsi anche al di là delle Alpi».

“La Mafia” di Luigi Sturzo nell’edizione radiofonica del 1978