Estratto da Un partito democratico e popolare (1963). Archivio audiovisivo, fondo Democrazia Cristiana

Il 25 luglio 1943 è "per definizione" il giorno della caduta di Benito Mussolini. Ma questo giorno coincide anche con la rinascita della democrazia nel Paese. I partiti antifascisti avevano lavorato molto nella clandestinità per questo obiettivo, elaborando documenti e riorganizzando le loro fila. Tra i documenti più noti, che immediatamente dopo il 25 luglio vennero diffusi in grande quantità, ci furono Le idee ricostruttive della Democrazia Cristiana. Lo stesso Giuseppe Spataro, come lui stesso racconta in un video, si preoccupò di spedire migliaia e migliaia di copie. Ne riproduciamo di seguito il testo integrale, insieme a quello di un altro documento del partito rivolto ai lavoratori.

De Gasperi in seguito avrebbe rielaborato il testo delle Idee e lo fece come vedremo più avanti nel Popolo Clandestino. Ma intanto le prime Idee ebbero il merito di far conoscere gli obiettivi politici della Democrazia Cristiana ai cittadini italiani. Iniziò così la nuova storia del Paese e la breve estate politica che sarebbe durata dalla fine di luglio al fatale 8 settembre 1943.

(G.S.)

Idee ricostruttive della Democrazia Cristiana. Pubblicate durante il periodo clandestino

La Democrazia Cristiana ai lavoratori

Altre notizie in Istituto Luigi Sturzo