Archivio fotografico, Consiglio nazionale della Democrazia cristiana, 24-27 gennaio 1964

L'Istituto Luigi Sturzo si unisce al cordoglio per la scomparsa del Senatore Emilio Colombo, statista e uomo di Governo, grande testimone in Italia e in Europa degli ideali democratico-cristiani.

Con l’addio a Emilio Colombo, che segue di poche settimane quello a Giulio Andreotti, si chiude una pagina di storia iniziata con l’Assemblea Costituente e tutto ciò che essa ha rappresentato per la rinascita del Paese dopo la fine del fascismo, della seconda guerra mondiale e il passaggio dalla monarchia alla Repubblica.

Ultimo dei Padri costituenti, Emilio Colombo è stato per decenni uomo insieme di partito e delle istituzioni, che ha servito come Ministro delle Finanze, del Tesoro, degli Affari Esteri, e come Presidente del Consiglio.

Europeista convinto, la sua testimonianza politica si lega strettamente al complesso itinerario storico che muovendo dai Trattati di Roma ha portato all’attuale dimensione dell’Unione Europea.

Intellettuale, uomo di cultura, cattolico di antica convinzione Emilio Colombo era amico e sostenitore dell’Istituto Sturzo, sempre presente alle iniziative, ai convegni e ai dibattiti di Palazzo Baldassini.

Resta vuota da oggi quella sedia in prima fila, sulla destra della Sala Perin del Vaga, dove per abitudine seguiva i lavori dell’Istituto.

Per tutti noi dello Sturzo è una perdita alla quale sarà difficile abituarci.

G.S.

Altre notizie in Istituto Luigi Sturzo