Istituto Luigi Sturzo

L’Istituto Luigi Sturzo è un ente morale fondato nel 1951 e intitolato a Luigi Sturzo, fondatore nel 1919 del Partito Popolare Italiano e tra gli artefici del primo movimento democratico cristiano.

Svolge attività di ricerca e di formazione nel campo delle scienze storiche, sociologiche, politiche ed economiche. Ha sede Palazzo Baldassini, edificio costruito tra il 1515 e il 1518 ad opera dell’architetto Antonio da Sangallo il Giovane e decorato internamente con affreschi realizzati da artisti della Scuola di Raffaello.

L’Istituto dispone di un vasto patrimonio documentario, conservato nell’Archivio storico -nato dal nucleo originario del Fondo Luigi Sturzo e specializzato nella valorizzazione delle fonti per la storia del movimento cattolico - e nella Biblioteca, specializzata nelle scienze sociali e nella storia moderna e contemporanea.

La costante attività di ricerca dell’Istituto, estesa in campo storico, sociologico, politico, giuridico ed economico, è integrata dai seminari e convegni che l’Istituto organizza per presentare i risultati delle ricerche condotte e i volumi di rilevante interesse nelle aree disciplinari di competenza.

L’Area Formazione dell’Istituto ha consolidato nel tempo la propria attività progettuale rivolgendo particolare attenzione a quanto accade in Europa nel campo della formazione post-universitaria e professionale.

La diffusione e valorizzazione dei risultati dell’attività scientifica avviene attraverso varie pubblicazioni, tra cui la rivista Sociologia, quadrimestrale di scienze storiche e sociali.

L’Istituto sviluppa molte delle sue attività in collaborazione con istituzioni nazionali e internazionali.

Ogni anno l'Istituto pubblica un resoconto dettagliato delle attività svolte a livello istituzionale. Ogni settore illustra i progetti e le iniziative realizzate.

Report

Rapporto di Attività 2009 (PDF)

Report Attività 2010

Rapporto di Attività 2010 (PDF)

Report Attività 2011

Rapporto di Attività 2011 (PDF)

Report Attività 2012

Rapporto di Attività 2012 (PDF)

Report

Rapporto di Attività 2013 (PDF)

 

 

 

Rapporto di attività 2014 [PDF]

 

Sezioni